Feb
14
Le IOL Premium

Le migliori per voi.

L’introduzione delle lenti intraoculari ha rappresentato una vera pietra miliare per l’oftalmologia moderna. Dalla loro invenzione negli anni cinquanta e un’attesa di quarant’anni causata dalla generale diffidenza della comunità medica, dagli anni novanta hanno giovato di un vero e proprio boom a cui è seguita una rapidissima fase di sviluppo che ha diversificato le lenti intraoculari in modo da adattarsi al meglio alle esigenze del paziente.
Un processo che è tutt’ora in corso.

A partire dalle prime lenti monofocali, tutt’ora comodamente utilizzate, che permettono ai pazienti operati di cataratta di vedere nitidamente a distanza, ma di poter leggere con un paio di occhiali, la ricerca ha sviluppato negli ultimi vent’anni una nuova generazione di cristallini artificiali più specifici e adatti a diverse condizioni dell’occhio del paziente: le lenti Premium.

Le lenti multifocali.

Questo tipo di lenti intraoculari (IOL) si differenzia dalle monofocali per la presenza di due o punti di fuoco. Grazie a questo tipo di lenti, infatti, il paziente non necessita di utilizzare obbligatoriamente delle lenti per la vista ravvicinata, permettendo una messa a fuoco a diversi gradi di distanza.
Questo tipo di lenti tuttavia richiede un po’ di tempo per poter “allenare il cervello” ed abituarsi al meccanismo.

Le lenti accomodative

Una caratteristica di questa lente è la capacità di simulare l’accomodazione del cristallino naturale. La lente infatti si deforma all’interno dell’occhio per poter mettere a fuoco l’immagine a diverse distanze.

Le lenti toriche e le toriche multifocali.

Anche se molti considerano le lenti toriche al di fuori della categoria Premium e come una categoria a sé stante, le lenti toriche servono a correggere l’astigmatismo grazie ad una forma “a ciambella” che sistema i difetti di rifrazione della cornea. Esistono anche le toriche multifocali, che uniscono questo tipo di correzione alla possibilità di mettere a fuoco a diverse distanze.

Le lenti EDOF.

Caratterizzate da un singolo punto di fuoco continuo che permettono una messa a fuoco a tutte le distanze senza il rischio di distorsioni della vista che si possono incontrare in altri tipi di lenti intraoculari. È tuttavia una lente meno potente rispetto ad una multifocale di ultima generazione, e quindi richiede un uso di un paio di occhiali per migliorare la propria qualità visiva.

Chi le sceglie?

Prima dell’operazione alla cataratta sarà il vostro specialista a raccogliere tutti i dati durante una visita completa e a valutare, grazie all’aiuto di un computer, quale sia la lente intraoculare più adatta alle vostre necessità.

Le lenti Premium comunque risentono di un costo maggiore rispetto alle semplici monofocali, è dunque necessario ragionare cautamente anche per quanto riguarda le opzioni economiche che, talvolta, non superano la comodità e il rapporto di convenienza ed efficacia di una lente monofocale.
È molto importante quindi fidarvi dell’opinione del vostro oftalmologo di fiducia.